HomeNEWSLega Sicilia: Catalfamo e Gelarda a fianco di giostrai e circensi

Lega Sicilia: Catalfamo e Gelarda a fianco di giostrai e circensi

- Pubblicità -

Catalfamo e Gelarda della Lega Sicilia hanno mostrato vicinanza e sostegno al mondo dello spettacolo viaggiante che ieri ha manifestato a Palermo dinnanzi al Palazzo d’Orleans.

Ecco quanto dichiarato tramite la pagina Facebook:
“Questa mattina (riferito a ieri ndr) abbiamo partecipato alla manifestazione sotto la presidenza della Regione organizzata dalle associazioni di giostrai, luna park e circhi che da oltre un anno sono chiusi e non hanno ancora avuto i Ristori promessi- dichiarano il capogruppo della Lega all’assemblea regionale siciliana, l’onorevole Antonio Catalfamo , e quello a Palazzo delle aquile Igor Gelarda.
Gli appartenenti alla cosiddetta industria del divertimento sono stati i primi a chiudere e questi 12 mesi di blocco li hanno messi a dura prova. Come Lega, insieme ad altri esponenti del centrodestra del governo regionale, siamo stati i primi firmatari di un ordine del giorno che impegna il governo regionale ad intervenire con gli ammortizzatori sociali per questa categoria. All’incontro di oggi, con una rappresentanza del presidente Musumeci, abbiamo chiesto i ristori per queste categorie ma anche la possibilità di riaprire, con le prescrizioni e in massima sicurezza. Bisogna Infatti distinguere le giostre e i luna park dai grandi complessi, i parchi divertimento, che hanno una strutturazione completamente diversa. Abbiamo chiesto alla regione di intervenire con le prefetture per far sì che possano riaprire in sicurezza. Ci uniamo al grido di Toti Speciale, segretario dell’Unione nazionale degli esercenti spettacoli viaggianti e tutti coloro che hanno protestato in maniera corretta e dignitosa questa mattina sotto la presidenza.
Ma che hanno bisogno di aiuti urgenti per i quali la Lega continuerà a battersi concludono Gelarda e Catalfamo

- Pubblicità -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

ARTICOLI POPOLARI