Home NEWS L'arte del circo che nonostante tutto va avanti

L’arte del circo che nonostante tutto va avanti

- Pubblicità -

L’arte del circo tradizionale anche ai tempi del Covid 19 va avanti. Scopriamo insieme cosa sta succedendo sotto i tendoni nell’attesa della ripartenza…

Senza ombra di dubbio sono tanti gli aspetti negativi relativi alla situazione che il mondo del Circo sta affrontando, ma possiamo anche ricavare un fattore positivo che caratterizza tutti i circensi, ovvero l’essere battaglieri e capaci di affrontare qualsisi problematica, anche se insostenibile, senza arrendersi.

Ci troviamo in Sicilia e precisamente a Messina, presso lo stadio San Filippo, ove il Circo Miranda Orfei della famiglia Martini è accampato da ottobre dopo aver passato il primo periodo di lockdown a Santa Teresa di Riva.
È proprio all’interno dello chapiteau alzato e vuoto che ti si riempiono nonostante tutto gli occhi di gioia e orgoglio.

- Advertisement -

Infatti, costantemente, ogni giorno all’interno prende vita una vera e propria palestra, un continuo allenamento sospeso in aria.
Micheal Martini, il pourteur Montagna e tutta la troupe di volanti seguita dal maestro Renè Rodogell incessantemente lavora e mira a raggiungere traguardi più elevati in vista di una possibile apertura.

Vi mostriamo di seguito una clip che ritrae lo stesso Michael Martini, vincitore del festival del Circo di Monte-Carlo New Generation un paio di anni fa nell’eseguire un nuovo esercizio, precisamente un triplo salto mortale carpiato:

- Pubblicità -

È proprio lui, come tanti artisti che danno la speranza di continuare, senza arrendersi a portare avanti la tradizione circense.

Un altro esempio che possiamo prendere in considerazione è certamente Gabriel Dell’acqua, fermo con il circo di famiglia a Palermo al Centro Commerciale Forum, che costantemente seguito dalla madre Anita Canestrelli, che da qualche mese ha iniziato a seguire la sorellina più piccola di Gabriel Sarah, continua a mettere in atto figure man mano sempre più difficili a livello dei grandi maestri del verticalismo-equilibrismo.

È proprio questo l’aspetto positivo: la voglia delle giovani leve di continuare a fare, a migliorarsi, orgogliosi delle proprie radici e dediti a portare avanti la tradizione del Circo.

- Pubblicità -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ARTICOLI POPOLARI